• mod 8
  • Slide E
  • Slide D
  • Slide C
  • Slide B
  • Slide A
  • 3
  • 1
  • Villette esterno
  • Progetto
  • Casa fra boschi
  • Salotto
  • Camera
  • Scala nuova

I vantaggi di una casa antisismica prefabbricata in legno

Perché una casa prefabbricata

Quando si parla di una casa prefabbricata in legno non si parla solo di tecnologia e rispetto dell’ambiente, ma soprattutto di sicurezza. Per essere antisismica una casa deve innanzitutto resistere ai movimenti tellurici, per questo la sua costruzione deve seguire criteri particolari e materiali idonei. Il legno è il materiale privilegiato nel caso di costruzioni antisismiche.

Le case prefabbricate in legno Tecnocomfort Case, offrono il giusto mix tra bioedilizia, comfort e sicurezza, dando forma alle migliori case prefabbricate di legno antisismiche. L’azienda utilizza le moderne tecnologie per realizzare case ecologiche: un team di professionisti costantemente aggiornati è a disposizione del cliente sin dalla fase progettuale, per offrire le migliori soluzioni nella massima sicurezza.

Come deve essere fatta una casa antisismica?

Un fabbricato antisismico non deve crollare anche se sollecitato da un violento terremoto, o quantomeno non deve subire crolli di strutture portanti, mentre non deve subire danni significativi per terremoti di intensità minore. Per fare questo una casa antisismica deve essere “robusta”, vale a dire deve resistere alle forze sismiche senza riportare danni seri alla struttura che possano mettere a serio pericolo l’incolumità dei suoi ospiti. Le tecniche di costruzione sono essenzialmente due:

  • si può ricorrere all’isolamento sismico, isolando la casa tramite l’inserimento tra il terreno e la base dell’edificio, dispositivi flessibili che in caso di onde sismiche permettano alla casa di muoversi senza deformarsi, soprattutto sul piano orizzontale e senza ripercussioni serie per i suoi abitanti;
  • si possono utilizzare dissipatori di energia, che sono dispositivi che “catturano” e concentrano l’energia del sisma, trasformandola in calore. Una tecnica che permette di diminuire i danni e impedire crolli importanti delle strutture.

Case prefabbricate antisismiche: la normativa

L’Italia è purtroppo un Paese ad alto rischio sismico, per questo prima di costruire una casa è importante innanzitutto conoscere il grado di sismicità della zona, quindi la cosa più importante è affidarsi ad un tecnico che conosca la normativa e soprattutto le tecniche di progettazione di costruzioni con criteri antisismici.
La normativa antisismica raccoglie appunto tutti i criteri indispensabili per costruire un fabbricato in grado di resistere o almeno ridurre i danni dovuti ad un evento sismico.

Curiosità

A rimarcare il fatto che l’Italia sia uno dei paesi a più alto rischio sismico d’Europa, c’è la storia: il primo regolamento antisismico, infatti, è stato scritto proprio da noi. Dopo il devastante terremoto che distrusse la Calabria nel 1783, la famiglia Borbone volle mettere nero su bianco le regole per poter affrontare in futuro una catastrofe simile: nacque così il primo regolamento antisismico d’Europa, firmato alla fine del ‘700 nel Regno di Napoli.

Dopo il terremoto del 1783, purtroppo in Italia di eventi catastrofici se ne sono susseguiti molti altri. A partire dal 1908, anno del terribile terremoto di Messina e Reggio Calabria, in Italia i comuni sono stati classificati secondo il grado di pericolo sismico e conseguentemente sottoposti a regole molto rigorose per la costruzione di fabbricati.
La legge 64/1974 regola la classificazione sismica, successivamente con appositi decreti ministeriali, tra il 1981 e il 1984, il territorio nazionale è stato classificato secondo il rischio sismico. Infine, il Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 ha stabilito le “norme tecniche per le costruzioni”  obbligando l’accurata verifica della staticità degli edifici strategici come scuole, ospedali etc. e definendo anche i principi per progettare e realizzare edifici antisismici.

Case prefabbricate antisismiche: i materiali

Per costruire delle case antisismiche servono materiali adatti. Esiste ad esempio il cemento armato precompresso con una struttura in ferro e carbonio intrecciato. Si tratta però di materiali ad elevato costo e ad alto impatto ambientale.
Ecco perché ad oggi il legno è sempre stato il materiale più utilizzato per la costruzione di una casa prefabbricata antisismica. Naturalmente elastico, il legno è il materiale prediletto perché risponde sia ai criteri imposti dalla normativa sulla sicurezza che a quelli di bioedilizia.
Gli elementi strutturali di una casa prefabbricata antisismica Tecnocomfort Case, sono i pannelli X-Lam per il pannello pieno a tavole incrociate ed incollate ed i pannelli X-Lam a secco in legno massiccio multistrato formati da tavole in legno unite tra loro. Gli isolanti utilizzati, inoltre, hanno coefficienti di trasmittanza termica ed acustica ottimi. Tutto questo fa sì che una casa prefabbricata in legno Tecnocomfort Case risponda a tutti i requisiti in materia antisismica.

  • La tecnologia X-Lam prevede la costruzione tramite pannelli in legno massiccio incollati tramite adesivo a base poliuretanica, privo di formaldeide e assolutamente non tossico, secondo le normative vigenti. Le tavole vengono selezionate ed utilizzate ad un tasso di umidità controllata e, a seconda delle necessità statiche e termiche vengono utilizzati spessori e strati diversi. È stato comunque provato che il sistema pannelli Xlam consente una grande resistenza strutturale, una resistenza sismica ed una protezione antincendio elevata.
  • La tecnologia X-Lam a secco permette edifici traspiranti e naturali, perché prevede l’unione delle varie strutture tramite solo l’utilizzo di legno in faggio, senza ferro né colle. Una tecnica totalmente innovativa nel mondo della bioedilizia che permette soluzioni dai risultati antisismici elevatissimi. La composizione in strati asimmetrici conferisce al pannello una stabilità e una resistenza nettamente superiore a qualsiasi altro pannello.

I vantaggi di una casa di legno antisismica

Una casa antisismica deve poter resistere a torsioni, flessioni, deformazioni e vibrazioni. Le case prefabbricate antisismiche in legno riescono a resistere a tutte queste sollecitazioni perché le verifiche vengono svolte non solo alla fine ma anche in corso d’opera. La normativa vuole che i pilastri abbiano una dimensione minima e massima, gli ambienti siano simmetrici e ovviamente i pesi siano equamente scaricati su travi e pilastri. In base alla zona ed al rischio, occorre progettare case antisismiche con criteri sempre più stringenti. Una casa prefabbricata di legno Tecnocomfort Case rispecchia tutte le caratteristiche antisismiche, a prezzi decisamente contenuti e certi, dalla sua progettazione alla consegna. L’alta tecnologia inoltre permette non solo di rispettare la normativa antisismica vigente, ma anche le regole fondamentali della bioedilizia: sicurezza e rispetto della natura, infatti, vanno di pari passo con una casa prefabbricata di legno Tecnocomfort Case.

Professionalità in ogni fase

Lo staff di Tecnocomfort Case, altamente qualificato, realizza progetti su misura che rispettano le esigenze del cliente, a partire dalla sicurezza. La fase progettuale, inizia infatti con il grado di rischio sismico della zona sulla quale la casa prefabbricata in legno deve nascere. Sistemi costruttivi evoluti, materiali con tecniche elevate, permettono la realizzazione di edifici prefabbricati in legno garantiti dalla più alta sicurezza strutturale. Tutti i materiali, i componenti e gli impianti realizzati sono il frutto delle più moderne tecnologie, alcuni dei quali coperti anche da brevetto europeo.
L’insieme di elementi strutturali sicuri ed antisismici, fanno sì che una casa prefabbricata di legno Tecnocomfort Case sia non solo bella, confortevole e rispettosa dell’ambienta ma soprattutto molto sicura.