• mod 8
  • Slide E
  • Slide D
  • Slide C
  • Slide B
  • Slide A
  • 3
  • 1
  • Villette esterno
  • Progetto
  • Casa fra boschi
  • Salotto
  • Camera
  • Scala nuova

Belle e comode: scopri il comfort abitativo di una casa eco prefabbricata

I motivi per scegliere una casa eco sono molteplici: una casa prefabbricata in legno è innanzitutto antisismica, è ecologica e quindi assicura una elevata efficienza energetica, può essere realizzata in tempi brevi, è garantita, è economica ma soprattutto offre un comfort abitativo unico.

Noi di Tecnocomfort Case ti offriamo soluzioni personalizzate che rispondono a tutti i tuoi requisiti; i materiali utilizzati, tutti di alta qualità e certificati, le tecniche abitative incentrate sulle ultime soluzioni di bioedilizia, hanno come principale obiettivo quello di offrirvi le soluzioni migliori che meglio si adattano alle vostre richieste.

Ecco perché le nostre case prefabbricate hanno un elevato comfort e forniscono alti livelli di benessere abitativo.

In cosa consiste il Comfort abitativo

La casa è il nostro rifugio, la nostra àncora di salvezza dopo una giornata di lavoro, il luogo dove ci riposiamo e ricarichiamo le energie.

Ecco perché in una casa, che sia prefabbricata, in legno o in cemento cerchiamo uno standard di comfort abitativo alto.

Ma quali sono i parametri che possono definire meglio il concetto di comfort abitativo? Ma soprattutto quali quelli che fanno di una casa prefabbricata con tecniche avanzate di bioedilizia un’immobile con alti standard di comfort abitativo?

Il comfort termico

Una casa con un alto coefficiente di comfort abitativo deve avere un’ottima qualità dell’aria negli ambienti, ottime condizioni termiche, acustiche e ottiche.

Tutti questi parametri insieme creano una condizione di benessere e quindi di soddisfazione. Parametri che ultimamente sono stati stabiliti anche per legge.

In particolare le condizioni termiche dell’ambiente in cui viviamo sono date da parametri misurabili che sonno:

  • temperatura dell’aria;
  • temperatura media radiante;
  • umidità relativa;
  • velocità dell’aria.

A questi quattro parametri misurabili si aggiungono due parametri che dipendono dalle persone che abitano la casa, ossia:

  • l’attività svolta (in termini di metabolismo energetico del corpo);
  • resistenza termica dell’abbigliamento.

Il giusto equilibrio tra i parametri crea beneficio tra gli occupanti della casa; il comfort termico deve in sostanza garantire benessere.

Il comfort acustico

Per comfort acustico si intende la condizione grazie alla quale il soggetto nella sua abitazione non viene disturbato da altri suoni e da fonti di rumore.

Essere esposti al rumore può provocare disturbi molto fastidiosi come mal di testa e mancanza di sonno, cose che portano alla riduzione del rendimento e ad una minore capacità di concentrazione.

Nel caso in cui l’esposizione al rumore sia prolungata poi, si può arrivare a subire danni all’udito, problemi di equilibrio e senso di vertigine, fino ad arrivare a stati di irritabilità.

Non è un caso, infatti che la legge stabilisca chiaramente la normativa in materia di inquinamento acustico e di requisiti acustici passivi degli edifici.

Creare una barriera tra gli ambienti della casa e l’esterno, far sì che all’interno non ci siano oggetti rumorosi, giova al benessere delle persone.

Ecco perché anche nel caso del comfort acustico i materiali utilizzati e le tecniche di costruzione sono fondamentali per assicurare determinati standard.

Il comfort visivo

Partendo dal presupposto che la luce migliore è sempre quella naturale, in una abitazione il comfort visivo è dato da:

  • distribuzione dei punti luce;
  • resa dei colori;
  • tonalità della luce;
  • distribuzione delle ombre;
  • direzione della luce;
  • distribuzione delle luminanze;
  • limitazione dell’abbagliamento.

In particolare quest’ultimo punto, l’abbagliamento, è il parametro che più concorre a creare discomfort visivo.

Infine, la condizione che rende ottimale il comfort visivo di una casa è il rapporto visivo tra l’interno verso l’esterno.

Perché le case eco offrono elevato comfort abitativo

Con l’espressione comfort abitativo quindi, si intende essenzialmente “vivere bene a casa”, fare sì che la nostra abitazione sia confortevole e accogliente.

Fino a qualche anno fa rendere confortevole un’abitazione era sinonimo di spese maggiori, oggi invece il concetto di comfort abitativo va di pari passo con quello di risparmio energetico.

Questo grazie soprattutto ai materiali utilizzati e alle nuove tecniche di costruzione.

E sono proprio i materiali utilizzati e le tecniche all’avanguardia che fanno delle case prefabbricate abitazioni ad alto tasso di comfort abitativo.

Tra i principali obiettivi di una casa eco c’è sicuramente quello di offrire una elevata efficienza energetica.

Se fino a qualche anno fa il sinonimo di casa prefabbricata era quello di casa fredda, oggi non è più così: materiali all’avanguardia e l’utilizzo del legno permettono di creare pareti isolate termicamente che assicurano al contempo un significativo risparmio energetico.

Ma una casa prefabbricata costruita secondo le nuove concezioni di bioedilizia garantisce non solo isolamento termico e risparmio energetico, ma anche e soprattutto comfort abitativo, proprio perché i materiali utilizzati sono naturali e a basso impatto ambientale.

Comfort abitativo nelle case prefabbricate: i materiali

Il legno è il materiale principe delle case prefabbricate ed il materiale che meglio assicura un alto livello di comfort abitativo.

Questo perché il legno, più di qualsiasi altro materiale garantisce un ottimo isolamento termico, ossia riduce il flusso termico scambiato tra due ambienti a temperature diverse.

In una casa prefabbricata, l’obiettivo principale del materiale adottato è quello di mantenere il calore all’interno dell’edificio e il legno assicura la richiesta.

Le nuove tecniche di utilizzo del legno poi, assicurano anche un ottimo isolamento dall’umidità perché questo materiale ha la proprietà di regolare naturalmente il livello di umidità.

Case prefabbricate e comfort termico

Difficilmente una casa prefabbricata in legno necessita di un impianto di condizionamento per l’estate, cosa che migliora decisamente la qualità dell’aria degli ambienti perché non si rischiano allergie dovute ad esempio ad un cattivo funzionamento o alla mancanza di manutenzione dei filtri dell’impianto.

Per quanto riguarda invece il periodo invernale, la capacità di conservare condizioni di temperatura costanti, permette di ridurre il ricorso al riscaldamento.

Case prefabbricate e comfort acustico

L’alto potere fonoassorbente fanno del legno un ottimo isolante acustico che mette al riparo la casa prefabbricata da spiacevoli rumori esterni.

Le case in Legno hanno inoltre un’ottima resistenza nel tempo, senza contare infine, cosa assolutamente non trascurabile che la casa in legno assicura alti standard antisismici.

Comfort abitativo di una casa eco: conclusioni

Una casa prefabbricata in legno offre molteplici vantaggi: tempi rapidi di consegna, risparmio economico, risparmio energetico e sicurezza dal punto di vista sismico.

Quello che però dovrebbe essere messo in cima alla lista di tutti i vantaggi è proprio il comfort abitativo, perché una casa prefabbricata è essenzialmente una casa eco, costruita secondo le tecniche più innovative di bioedilizia che rendono l’abitazione il luogo ideale per il nostro benessere.